Eccoci qua come ai tempi della scuola dinanzi una pagina bianca e l'incertezza, l'amletico dubbio: COME INIZIARE? Sicuramente voglio dirti CIAO, che tu sia casualmente transitato di qua o già mio amico, qualunque sia il tuo pensiero, la certezza di questo saluto ce l'ho.
Di certezza ne ho anche un'altra, se sono qui, se ho deciso di "mettere in rete" parte di quello che scrivo è proprio per arrivare da te, per il desiderio di comunicare e condividere insito nell'essere umano, perché ho deciso di "tirare fuori dal cassetto i miei fogli" ed esporli alle tue critiche, al giudizio che se vuoi puoi lasciare sotto ogni mio post, per incontrare e conoscere amici.
In questo blog troverai alcune poesie, racconti brevissimi che durano il tempo di alcuni "morsi" ad un frutto, la sfida mia personale a Flaubert, una storia da "prendere un morso per volta": terza certezza... e dire che a me ne sarebbe bastata una! Ho cominciato; così adesso spero di rincontrarti al più presto.

Gabriella

sabato 9 gennaio 2010

23.09.01

Come s'intuisce dalla data assunta a titolo, a dodici giorni dall'attentato alle Twin Tower... per i martiri di tutte le guerre, da quelle mondiali a quelle private, per tutto il sangue innocente versato nei secoli, per tutti i giusti che hanno pagato, pagano e pagheranno ancora, per le vittime di tutti i mali che noi stessi generiamo e delle infinite tragedie di cui è piena la storia dell'umanità tutta e dei singoli uno alla volta...


Non sentivo, né percepivo!
Caduto.
In un sonno più lungo
quanto più profondo!
Ormai del mio cuore 

il battito ho perso!
Ed anche la mente, 
leggera non fluttua,
stagnante rimane!
Poi piano, con passo felpato

con l'essere mio
il contatto ho ripreso,
e piccole mani
il capo mi hanno sfiorato.
Carezze di figli
mi han rammentato
per cosa io vivo ancora...
e penso, affranto
a chi di questo
non può più gioire.
A vite spezzate.
A vite per sempre segnate.

Dolore profondo di madri
che non hanno più figli,
sgomento di figli ormai soli.

Orrore per vite crollate.
Nel gioco precario del mondo
ignare pedine martoriate.

Gabriella Dell'Aria

14 commenti:

  1. Meravigliosa poesia...mi ha riportato indietro a quel giorno...allo sgomento, all'incredulità che ho provato davanti a quelle immagini...
    ...e con le tue parole sembra quasi di poter toccare l'immenso dolore di chi purtroppo è salito al cielo

    RispondiElimina
  2. @minervabianca: grazie per il tuo commento, il tuo passaggio e per aver linkato il mio blog. Il tuo è stupendo e spero che tu riesca nell' intento.
    A presto

    RispondiElimina
  3. Ecco,mi hai fatto piangere!
    Struggente...brava!

    RispondiElimina
  4. @Marcella: grazie per esserci sempre!

    RispondiElimina
  5. Anche a me la tua poesia ha fatto l'effetto di un ritorno a quel momento con tutto l'orrore e l'incredulita'. Mi ha davvoero commosso, e' molto toccante.
    PS Grazie anche di essere passata da me.

    RispondiElimina
  6. Non v'è perdono se la morte non è un dono.
    Maurizio

    RispondiElimina
  7. Un evento così devastante non poteva non provocare emozioni e una poesia in chi scrive.

    RispondiElimina
  8. @Vittoria: Ciao, grazie anche a te!

    @Maurizio: purtroppo ho la sensazione che sia sempre meno un dono e più spesso una violenza.

    @Daniele: si, credo che tutti noi non potessimo non sentire il bisogno di farlo.

    A TUTTI UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  9. grazie per la poesia...
    ma io sono passata per un saluto ..un caffè e una fetta di torta...visto che sei sempre di corsa...

    p.s...perchè non metti anche tu una piccola chat come c'è da me?..almeno i saluti e i messaggi sono di pronta visione ..un abbraccio

    RispondiElimina
  10. @Lore: Ciao Lore, è vero ho sempre poco tempo ma poi m'impongo di ritagliare uno spazio per il piacere di leggere e d'incontrare gli amici, la vita non può essere solo doveri altrimenti quella bella finestra che preferiamo tenere sempre aperta rischia di coprirsi di polvere.
    Allora, 'sta torta come la vuoi? Alle mele, all'arancia, crostata al limone o qualcosa al cioccolato... mi hai fatto venire voglia di mangiarla davvero :)
    Caffè lungo o ristretto?
    Per ora ci accontentiamo di questo virtuale!
    x la chat hai ragione, la metterò
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Ciao GM C,
    molto toccante questa tua bellissima poesia,
    sembra davvero di vivere il dolore, lo stupore, l'orrore.....
    Sono tornata di colpo a quel giorno, purtroppo, indimenticabile che ha cambiato per sempre la vita di tutti!!
    Ti lascio un abbraccio e un omaggio di benvenuto che puoi prendere sul mio blog:
    http://ciliegine-sulla-torta.blogspot.com/
    A presto :-)

    RispondiElimina
  12. @ GM C....caffè ristretto e rigorosamente amaro....la torta sei tu che mi devi dire come ti piace...visto che i dolci mi riescono piuttosto bene .....abbraccio...

    RispondiElimina
  13. @ Lore: anch'io ristretto e amaro, per la torta fai tu, mi piacciono quasi tutte :)

    @ Pasticcino: Grazie per il passaggio, i complimenti e il benvenuto davvero molto apprezzato ;)

    Abbraccio entrambe

    RispondiElimina
  14. ciaoooooooo....vedi se questa torta fa per te ....
    http://incucinadame.blogspot.com/2010/01/torta-di-mele-e-pane.html
    buona giornata..

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a a leggermi! Se volessi lasciare un commento con le tue impressioni/sensazioni o anche solo un saluto... ti ringrazio ancora una volta!