Eccoci qua come ai tempi della scuola dinanzi una pagina bianca e l'incertezza, l'amletico dubbio: COME INIZIARE? Sicuramente voglio dirti CIAO, che tu sia casualmente transitato di qua o già mio amico, qualunque sia il tuo pensiero, la certezza di questo saluto ce l'ho.
Di certezza ne ho anche un'altra, se sono qui, se ho deciso di "mettere in rete" parte di quello che scrivo è proprio per arrivare da te, per il desiderio di comunicare e condividere insito nell'essere umano, perché ho deciso di "tirare fuori dal cassetto i miei fogli" ed esporli alle tue critiche, al giudizio che se vuoi puoi lasciare sotto ogni mio post, per incontrare e conoscere amici.
In questo blog troverai alcune poesie, racconti brevissimi che durano il tempo di alcuni "morsi" ad un frutto, la sfida mia personale a Flaubert, una storia da "prendere un morso per volta": terza certezza... e dire che a me ne sarebbe bastata una! Ho cominciato; così adesso spero di rincontrarti al più presto.

Gabriella

domenica 27 giugno 2010

1992... vent'anni che passano...

Ancora due e sarà un ventennio,
vent'anni che passano,
mi guardano,
aggiungono un fiore
una lettera
o solo un biglietto...
e ogni volta che si fermano,
soffermano,
un brivido corre dalle fronde
fin sotto la terra
che si nutre
e mi nutre d'amore.
E quasi non mi sembra
d'aver avuto una storia,
una vita,
prima di questa, iniziata,
dicevo,
da meno di un ventennio.
Come se fosse iniziata
quel giorno
per una, tante finite!
Un albero

come tanti alberi
davanti una casa
io già lo ero, eppure non ho quasi ricordi
prima di allora...
qualche volto di bimbo,
quello sì,
...volanti...sirene.
Così, da quel giorno,
io sono "l'albero",
mio malgrado
un simbolo.
Io che volevo essere un albero
come tanti alberi...
come gli eroi che forse loro
non avrebbero voluto essere...
così loro
e albero io!
Ho visto e sentito
lodi e onori
ed ogni volta la terra fremeva
d'orgoglio
d'amore
di rabbia e dolore
e mille volte ho immaginato
di sollevar le radici,
sfrondare i miei rami
contro quelli che so
perché la terra
che mi tiene, mi nutre...
mi parla.
Vi dico questo
all'alba di oggi
quando, prima di vederli
di udirli
ne ho sentito l'arrivo
nell'aria...
e mentre
dalla foglia più nuova
a quella più scura
il fremito, l'allarme
vibrava scendendo giù per il tronco
la terra, a sua volta,
trasmetteva e amplificava
il suo grido d'aiuto.
E abbiamo sentito
che i miei eroi
morivano ancora!
Sono giunti a me 
senza fiaccole
navi o striscioni,
in silenzio...
nessun cordone
nessuna folla!
Ho guardato l'asfalto,
i ricordi
che ora son tanti,
la strada deserta,
ho rammentato i pianti,
gli abbracci,
le tante promesse,
gli slogan...
e tutte le navi...
un'ultima volta!
Poi, 
con la loro piccola gru
si sono portati
sopra di me
a calarmi un cupo,
nero, pesante cappuccio.
Calando un sipario
sul simbolo dell'esempio
che ero!
E nella fretta spezzano un ramo,
si staccano alcuni messaggi
come brandelli di vita
che perdo
e il pianto di linfa che verso
lo accoglie, raccoglie
l'aiuola.
E ora più che mai sento i
fremiti della mia terra!
E ora più che mai vorrei
sfrondarmi la chioma!
Ma devo aspettare che
un cuore sincero
mi faccia di nuovo
parlare...
e sotto la cappa
comincio l'attesa...
ma non vorrei,
non vorrei mai
avere bisogno d'eroi!

Gabriella Dell'Aria

18 commenti:

  1. ma è il tuo compleanno???
    ad ogni modo....sono tornata ora da ventotene....ti ringrazio per il tuo commento che mi hai lasciato sull'ultimo post..... ora aggiungo un post del viaggio e poi inserisco dei post illustrativi per fare gli animaletti che sono tanto piaciuti tua figlia e che vengono apprezzati da bimbi ed adulti.... tu procurati la verdura che sicuramente a casa non manca ;-)

    RispondiElimina
  2. Sono senza parole per questo scritto che avverto lacerante...
    Ti abbraccio albero pieno di linfa che scorre viva...

    RispondiElimina
  3. @Bussola: no, nessun compleanno :) mi riferisco all'albero Falcone in questa poesia. Aspetto i post per fare quegli animaletti... magari riesco a farli mangiare anche a mio figlio che non ama le verdure!
    A presto

    @Stella: hai colpito nel segno, la mia sensazione è proprio lacerante... lo è stata quel giorno in cui ho sentito che L'albero Falcone era stato "svestito" e, poichè penso che la natura intorno a noi sia pulsante di vita, pensando anche agli eventuali effetti della legge bavaglio che di fatto non agevolerà la lotta alla criminalità ma riempirà ancor più di scartoffie gli uffici per chiedere deroghe ogni due giorni, ho immaginato di dargli voce, di dare voce a ciò che quest'albero rappresenta e che è diventato. Naturalmente i ragazzi delle scuole palermitana sono corsi da lui. Queste notizie le ho apprese da internet... finchè dura, godiamocelo!
    Queste sono le mie sensazioni, forti, a volte molto forti!
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Poesia di grande impatto emotivo E quell'albero non é l'unico essere vivente a soffrire per quello che accade in questo Paese.

    RispondiElimina
  5. Non ci sono commenti per quello che ho letto. Davvero belli ed intensi.
    Gio'

    RispondiElimina
  6. Ti invito a prelevare una sorpresa sul mio blog dei premi.

    RispondiElimina
  7. E' finita la societa degli uomini onesti, carne da macello, inginocchiatevi... bastardi...e finito tutto nel silenzio. Adesso non si ferma piu nessuno, neppure il semaforo.. neppure al bar vanno piu, ma l'albero è la..potato sistemato ma è la, e NOI dove siamo?
    Abbiamo solo perso e non torneremo piu.

    RispondiElimina
  8. @Maurizio: come neppure al bar? Mi stai dicendo che veramente non c'è rimasto nulla se non lui, L'Albero? Questa è una sconfitta che non può "essere", proprio no, che speranze avranno i nostri figli? Tutti i ragazzi che ci credono ancora?

    RispondiElimina
  9. Ciao,
    Flaubert mi piace principalmente per il suo modo di scrivere. Le sue descrizioni e i suoi pensieri toccano così bene il "vissuto" che leggere le sue storie è come viverle realmente.
    Un saluto

    (http://leggimiscrivendo.blogspot.com)

    RispondiElimina
  10. Non so...io a volte lo vorrei avere un eroe...tutto personale.Pronto a salvarmi da me stessa soprattutto.

    RispondiElimina
  11. @Spes: un eroe così a volte piacerebbe anche a me :)
    degli altri vorrei non avessimo bisogno!

    RispondiElimina
  12. ho postato le spiegazioni del cigno

    RispondiElimina
  13. Occhi lucidi. Mi basta questo scritto per capire la tua sensibilità e per gustare la tua capacità descrittiva, che mi introduce in questa tua realtà sofferta, vissuta, vera e piena di ideali e forse troppo personale perchè io possa aggiungere altro.

    La poesia e il racconto sono due mie passioni che amo sia come lettore sia come "scrittore" ( se posso permetteri un termine azzardato), e che mi fanno amare profondamente il tuo blog.
    Mi piacerebbe avere un tuo parere su qualche mio lavoro, magari sugli scritti veri e propri e non sulle mie lunghe nenie da ragazzino frustrato...

    Ti ringrazio comunque per i minuti che mi hanno regalato questi tuoi versi.

    Un saluto.
    F.L.

    RispondiElimina
  14. @Bussola: Grazie passo a prenderle :)

    @F.Lupis: Benvenuto! Il tuo commento mi lusinga, non credo di meritare tanto (ma sono contenta che ti piaccia questo blog-ino) e mi farebbe davvero piacere leggere qualche tuo lavoro... lo trovo nel blog?
    Non far caso alle frustrazioni... ci accompagnano per un periodo poi nella maggior parte dei casi vanno via :)
    Grazie a te!

    RispondiElimina
  15. Leggo le tue poesie e ne rimango davvero sempre colpito. Hai un talento da coltivare.

    Ps.Ti ho risposto sul mio blog alla domanda che mi avevi lasciato nei commenti..ok con colpevole ritardo ma in questo periodo va così...

    ciao

    RispondiElimina
  16. @Alessandro: Grazie e... corro subito a leggere la risposta... sono curiosa :)

    RispondiElimina
  17. Ciao GM C
    da scrittrice, non posso che comprenderti...unirmi ai pensieri degli amici che ti circondano. La vena artistica é in te e flusce libera, senza costrizioni o orpelli vari.
    Leggerti é un piacere.
    tornerò ancora
    Nedj

    RispondiElimina
  18. @Nedj:Ciao, che piacere averti qui!

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a a leggermi! Se volessi lasciare un commento con le tue impressioni/sensazioni o anche solo un saluto... ti ringrazio ancora una volta!