Eccoci qua come ai tempi della scuola dinanzi una pagina bianca e l'incertezza, l'amletico dubbio: COME INIZIARE? Sicuramente voglio dirti CIAO, che tu sia casualmente transitato di qua o già mio amico, qualunque sia il tuo pensiero, la certezza di questo saluto ce l'ho.
Di certezza ne ho anche un'altra, se sono qui, se ho deciso di "mettere in rete" parte di quello che scrivo è proprio per arrivare da te, per il desiderio di comunicare e condividere insito nell'essere umano, perché ho deciso di "tirare fuori dal cassetto i miei fogli" ed esporli alle tue critiche, al giudizio che se vuoi puoi lasciare sotto ogni mio post, per incontrare e conoscere amici.
In questo blog troverai alcune poesie, racconti brevissimi che durano il tempo di alcuni "morsi" ad un frutto, la sfida mia personale a Flaubert, una storia da "prendere un morso per volta": terza certezza... e dire che a me ne sarebbe bastata una! Ho cominciato; così adesso spero di rincontrarti al più presto.

Gabriella

domenica 16 febbraio 2014

Un cuore che ama è un cuore sempre giovane e pieno di Luce!

Il cuore ha sbalorditive capacità auto-rigeneranti, nonostante le batoste di varia natura, che prende. Eppure ogni volta si ferma un attimo a guardarsi, cura, amandosi, ogni ferita che hanno lasciato o che ha permesso lasciassero impressa, sorride indulgente a se stesso per l'ingenuità... per il donarsi ogni giorno... ma senza rimpianti! Un cuore che ama non può avere rimpianti! Così lecca amorevolmente ogni sua ferita fino a quando non si trasforma in cicatrice! Un cuore pieno di cicatrici è un cuore che ama! Eppure se lo guardi la sua superficie è liscia e lucente... un cuore che ama si rigenera ogni volta, ogni volta è più bello, più forte e più lucente... e con tutte quelle cicatrici che ha addosso, che solo lui conosce, ha di certo capito che non si può amare veramente nessuno se non si ama anche se stessi, perché solo nella piena padronanza di sé e nella libertà ci si può donare ogni giorno. In questo risiede la differenza, che può apparire sottile, tra donarsi e svendersi: il primo è Amore e come tale libero poiché Amore libera, in armonia con tutte le cose e rispettoso di sé, il secondo è schiavitù e disconoscimento di se stessi!
Troppo spesso l'uomo confonde l'amore con il possesso, schiavizza e si fa schiavizzare prendendo in prestito la parola amore... mi chiedo se e quanti ne conoscano il vero significato... naturalmente a partire da me!
Un cuore che ama è un cuore sempre giovane e pieno di Luce!

Gabriella