Eccoci qua come ai tempi della scuola dinanzi una pagina bianca e l'incertezza, l'amletico dubbio: COME INIZIARE? Sicuramente voglio dirti CIAO, che tu sia casualmente transitato di qua o già mio amico, qualunque sia il tuo pensiero, la certezza di questo saluto ce l'ho.
Di certezza ne ho anche un'altra, se sono qui, se ho deciso di "mettere in rete" parte di quello che scrivo è proprio per arrivare da te, per il desiderio di comunicare e condividere insito nell'essere umano, perché ho deciso di "tirare fuori dal cassetto i miei fogli" ed esporli alle tue critiche, al giudizio che se vuoi puoi lasciare sotto ogni mio post, per incontrare e conoscere amici.
In questo blog troverai alcune poesie, racconti brevissimi che durano il tempo di alcuni "morsi" ad un frutto, la sfida mia personale a Flaubert, una storia da "prendere un morso per volta": terza certezza... e dire che a me ne sarebbe bastata una! Ho cominciato; così adesso spero di rincontrarti al più presto.

Gabriella

venerdì 19 marzo 2010

Ancora a proposito di Flaubert - secondo brevissimo racconto

Qualcosa oggi mi ha ricondotta qui... in effetti più che qualcosa devo dire "qualcuno", uno di quegli incontri irreali, non perché figli di sogni ad occhi più o meno aperti, un incontro con una persona reale... incontrata da un'altra persona! In effetti la vita di ognuno di noi si arricchisce non solo degli incontri e negli incontri vissuti in prima persona, spesso le esperienze degli altri aiutano ognuno di noi a fare un passo! Ed è quasi sempre un passo positivo, mi dicevo, da ogni cosa puoi prendere il meglio e trarre spunti di crescita... devi decidere da quale angolo starla a guardare! Mi capita, a volte, che le sensazioni che provo per queste esperienze più o meno dirette... si materializzino quasi... oggi, pensando a questo incontro "non mio", ho sentito un odore di aria pulita, fresca... che mi ha portata ai miei vecchi fogli e a questo racconto stringato. 

Così oggi è arrivato il momento del secondo, ed ultimo, almeno credo (mai dire mai... potrei nuovamente cercare di "battere me stessa" e provare a fare di meglio... i margini di miglioramento sono notevoli ma... non è detto che io debba essere in grado di farli diminuire...), racconto breve pensando a Flaubert; se il primo aveva una pecca in partenza... questo ne ha almeno due, infatti, così com'è, può essere collocato in un tempo e in uno spazio definiti.  Se per il tempo, contemporaneo al grande scrittore, si può facilmente apportare una modifica (che non faccio), per l'ambientazione direi proprio di no... quindi una cosa è certa, dobbiamo escludere una serie di luoghi con caratteristiche diverse da quelli in cui si svolge la storia! Non è più una storia di tutti i tempi e di tutti i luoghi... ma ha lo stesso odore fresco e pulito che ho sentito oggi... almeno per me è così!


- Ci penso da un po', il grande Flaubert ha lanciato una sfida, o così io l'ho intesa e non sono certamente il solo. Immagino che i più grandi scrittori si cimenteranno in questa impresa, maestri e padroni come sono della lingua e dello stile, se non riusciranno ci andranno comunque vicino. Voglio provarci anch'io, ben sapendo da me di non possederne il talento; non voglio dimostrare niente a nessuno, se credo funzioni la terrò conservata tra le mie sfide vinte, altrimenti nel mucchio dell'altre. Non è forse la sfida più bella quella che fai con te stesso? Voglio provare dove altri provano ma il mio sapere è umile e non posso competere neppure con gli scrittori men bravi, quindi il mio partecipare sembrerebbe quasi un affronto, per questo lo faccio solo per me e poi la metto da parte. 
Arrovello in ogni momento la mente tutto preso da questa possibile vicenda che ho da narrare e capisco che a scriverla non ho nessuna possibilità di riuscita e quindi decido di farlo in un modo diverso: mentre gli altri la scriveranno con inchiostro e fantasia, io scriverò la mia nella storia, facendo di essa parte della mia storia e sperimentandone la possibilità su me stesso. 
Ho preparato ciò che mi occorre per ripartire da zero, una tunica, un paio di calzature, una sacca per la frutta che coglierò e una borraccia per l'acqua. fabbricherò da me gli attrezzi per procurarmi il cibo. Solo, lontano da tutti, vivrò una storia di cui nessuno avrà notizia se non nel mio racconto, semmai tornerò e vorrò raccontarla. 
Cammino a lungo cercando un anfratto che possa ospitarmi, lo ripulisco e lo rendo dimora fornendolo di un giaciglio di foglie, accendo il fuoco con il metodo dei progenitori ed esploro tutto intorno. Non so proprio che vita sarà questa mia, eremita per dimostrare a me stesso che esiste una storia che vive di lei sola. 
Cammino e cammino e sarei morto di già se non avessi trovato dove attingere acqua, ma prima di morire avrei escogitato il modo di narrare ogni passo su questo sentiero, affinchè il mio sforzo non andasse perduto.  
La sacca che porto è ancora quasi vuota, ho faticato a cercare da mangiare e, ad ogni frutto, ad ogni radice mi ponevo mille domande; i frutti e le piante a me sconosciute sono tante e da ognuno di essi non so che aspettarmi, varrebbe lo stesso per i funghi, gli uccelli ed ogni animale che posso incontrare. L'anfratto che ho trovato è troppo vicino al luogo in cui abitavo, ho deciso così di andare ancora e cercare un posto un po' più isolato in modo che non si possa avere aiuto neanche fortuito. 
Intanto cercando le foglie, accendendo il fuoco, raccogliendo erbe e frutti che non so se mangerò, s'è fatta ormai sera; seduto sul giaciglio accanto al fuoco, ho posto dinanzi a me, in terra, ciò che ho trovato e l'analizzo. C'è una radice bianchiccia che guardo e rigiro, sò già che la morderò, s'è cattiva la butto, ma sono in parte restio. Poi non posso lasciarmi morire di fame, l'addento e avidamente la mangio. I dolori che ho all'addome non so se sono di fame o per quella radice, la paura mi fa chiudere gli occhi e la stanchezza mi aiuta a dormire un sonno agitato. Non dev'essere passato poi molto, mi dico aprendo un occhio e guardandomi attorno, il fuoco è ancora acceso e la sacca su una pietra lì accanto; la fame mi toglie la calma, mi domando che cosa mangiare e guardo di nuovo il mio bottino. Alcuni piccoli frutti che sembrano innocui m'invitano con il loro profumo... mi ricordano qualcosa, mi dico, spero non sia nulla di male. Dopo averli mangiati ritorno a dormire. 
La fame non placata mi sveglia al sorgere del primo raggio di sole, con la borraccia e la sacca riprendo il cammino. Arrivo così ad una vasta distesa fitta di verde, ad essere un poco esperto avrei da mangiare... se solo sapessi cacciare! E mi pongo il quesito. Mi occorre la legna per fare arco e frecce. Mentre mi volgo intorno a guardare in cerca di questo, un cinguettio attira la mia attenzione e scorgo un nido con cinque pigolanti uccellini. Dimentico la fame, lo stomaco che mi fa male e mi metto estasiato ad osservare. Due uccellini più grandi, nel volo avanti e indietro, sfamano i piccoli becchi che mai sembrano sazi e mi perdo così in un tempo che non misuro, immerso nella vita e nella sua essenza.
I profumi ora dolci, poi acri, ora caldi di sole poi terrosi e freschi di pioggia, uguali e sempre diversi, mi accolgono ogni giorno e così trascorro il mio tempo, mangiando ciò che trovo (nei giorni l'esperienza mi porta a raccogliere ciò che più mi è gradito e ormai familiare) e osservando la piccolo famiglia che cresce.

Sugli alberi ormai i fiori profumano più intensamente e quasi perderanno i petali, e assisto oggi alla prima lezione di volo; il più piccolino dei fratelli è anche il più coraggioso e tenta un piccolo salto sbattendo le ali inesperte. E' tutto un richiamo, un incitamento col capo, uno spostamento leggero, un ripetere continuo del salto per dare l'esempio aspettando, più avanti sul ramo, che provino e saltino i piccoli allievi. Uno di loro tentenna ed ha più paura.
Una lunga schiera di formiche sale e scende da un sasso accanto all'albero degli uccellini, lavorano, laboriose, incessantemente; una, su un chicco minuscolo che non riesce più a trasportare, sembra invii richiesta di aiuto e in poco tempo quattro di loro accorrono. Poi tirano e spingono insieme. 
I frutti profumati e succosi che placano ogni mia fame, ogni mia sete; farfalle variopinte colorano la loro breve vita, l'acqua della sorgente che scorre fresca e incessante, gli scoiattoli a caccia di frutti corrono allegri avanti, poi tornano indietro, si scambiano qualcosa, ritornano a correre leggeri.
Ogni cosa mi appare armoniosa, la vera poesia del creato, la poesia che vorremmo dire scrivendo. La luce, il cielo, le stelle. E pensando alle stelle stanotte dormirò fuori, accenderò un piccolo fuoco sicuro, lo circonderò di erba bagnata che continuerò a  innaffiare di tanto in tanto, questa e i sassi dovrebbero bastare. 
E guarderò le stelle e in ogni istante sentirò il profumo, l'amore, la forza del creato; voglio fondermi in esso, ora che l'ho scoperto, ora che l'ho sentito, ora che lo vivo e respiro... inebriarmi e perdermi in esso e quindi trovarmi!
E' mattina, il sole mi sveglia col primo chiarore ed io ora, dinanzi a tanta grandezza, apprendo ch'esiste una storia autonoma, che vive di essa... LA VITA!

Gabriella Dell'Aria
Tutti i diritti riservati

26 commenti:

  1. Le sfide con noi stessi sono sempre le più importanti...e le vittorie che spesso ne conseguono sono le più belle!!!
    Che meraviglioso racconto.....avrei tanto voluto trovarmi in quel luogo DI PACE!!!

    RispondiElimina
  2. Ormai lo sai che mi piace leggerti....sei riuscita a farmi ricredere anche sulle poesie....posso scrivere che questo racconto mi è piaciuto moltissimo e che per me tu scrivi in un modo meraviglioso? Oppure non vale perchè è quello che ti scrivo sempre???
    DEVE VALERE, perchè io lo penso!!!

    RispondiElimina
  3. Adesso capisco la voglia di fare, l'energia e lo spirito positivo. :)
    Se ne avessi in avanzo accetterei volentieri un prestito. :)

    RispondiElimina
  4. @Pepe: sfidare se stessi a migliorare è l'unica "sfida che accetto"... del resto le sfide della vita cos'altro sono se non un trampolino da cui "prendere il volo" cercando di non cadere?
    Se ti guardi intorno e respiri, c'è un luogo di pace in ogni cosa e in tante persone... l'importante è stare in apnea quando s'incontrano quelle sbagliate o cercare di soffiare su loro un poco di pace... ma non sempre sono recettive ;)

    @Marcella: mi convinco sempre di più che sia il legame fraterno che ci unisce a farti piacere SEMPRE quello che scrivo... mi ripeto anch'io! :)

    @Enne: Benvenuta!
    Per lo spirito positivo e il resto... perché accontentarsi di prestartelo? Te lo posso regalare se vuoi! Lui è come una piantina che si moltiplica per talea... ne stacchiamo un rametto, lo mettiamo nel vaso... e la VITA fa il resto! Te lo regalo con molto piacere! :)

    RispondiElimina
  5. Scrivi e descrivi molto bene gli stati d'animo.
    Complimenti!

    RispondiElimina
  6. Essere positivi e propositivi é importante. Almeno quanto avere qualcuno accanto che ti dia questa forza nei momenti in cui tu ne sei sprovvisto.

    RispondiElimina
  7. Caspita ma sei brava per davvero...

    RispondiElimina
  8. @Stella: sei gentile... io ci provo a descriverli, mi piacerebbe farli "sentire" a chi legge.

    @Giovanni: grazie mille!

    RispondiElimina
  9. @Daniele: Sono d'accordo con te, è importantissimo avere qualcuno accanto, condividere, accogliere ed essere accolti, la solitudine pesa come un macigno sul cuore... lo spirito positivo non mette al riparo da lei, né da tristezza, angoscia, dolore... non credo che esista niente capace di evitarceli... essere positivi per me significa avere la certezza che i momenti bui sono "solo momenti"... che qualcosa o qualcuno ci darà la forza di superarli, di questo non dubito! Come diceva De Filippo: "ha da passà 'a Nuttata"! Meglio se "passa" avendo accanto qualcuno :)

    RispondiElimina
  10. @Lastregadiportobello: grazie! Benvenuta nel mio blog-ino :)

    @Maurizio: adesso comincio a crederci :)

    RispondiElimina
  11. Ok: magari in un uovo di Pasqua.
    :)))
    Un bacio.

    RispondiElimina
  12. potrei dirti che il racconto mi è piaciuto molto, potrei dirti che quando scrivi mi sembra di vivere le tue storie, potrei dirti che adoro il tuo stile....ma tutto questo tu già lo sai!
    Ricorda che sono la tua fan più sfegatata
    Un bacio

    RispondiElimina
  13. @Stella: ti ringrazio di cuore!

    @Enne: ok per l'uovo di Pasqua! :)

    @Minervabianca: Grazie... tranq. non lo dimentico!

    Vi abbraccio!

    RispondiElimina
  14. Ho letto con piacere il tuo post, scoprendo che hai del talento innato per la scrittura. Siamo in tanti ad amarla, ma in pochi a riuscire a sviscerare sentimenti ed emozioni e a saperli trasmettere.
    Mi scuso anche con te, se non posso commentare sempre, i miei problemi di salute, ora mi tengono un pò lontana dall'web. Ma ti prommetto che ritornerò a trovart
    con affetto
    lilly

    RispondiElimina
  15. è un bellissimo racconto.... molto poetico..... veramente raffinato.....l'ho letto due volte per questo.....

    RispondiElimina
  16. @Lilly: ... non pensarci assolutamente, per me passare a leggerti è sempre un piacere e so bene che, per vari motivi, non sempre si riesce a passare da tutti. Spero che tu stia meglio prestissimo e ti ringrazio per i complimenti :)
    Un Bacio

    @Bussola: due volte? Sono contenta che ti sia piaciuto e ti ringrazio per le belle parole!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. GM C
    ti invito a passare nel mio blog dei Regali virtuali.
    Fai parte di quegli amici veri, una razza in via d'estinzione.
    Ti aspettano 2 omaggi
    con affetto
    grazie
    Lilly

    RispondiElimina
  18. semplicemente ...bellissimo!!!!!!!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  19. @Lilly: passo con piacere e grazie per avermi incluso tra gli amici veri.

    @Lore: sono contenta che ti sia piaciuto :)

    Vi abbraccio

    RispondiElimina
  20. Ciao passavo di qui e ti lascio gli auguri di una Buona Pasqua.
    Dual

    RispondiElimina
  21. @Dual: Benvenuta, tanti auguri anche a te!

    RispondiElimina
  22. Un saluto,
    http://leggimiscrivendo.blogspot.com/

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a a leggermi! Se volessi lasciare un commento con le tue impressioni/sensazioni o anche solo un saluto... ti ringrazio ancora una volta!